LA VERITÀ È CHE IL TUO LAVORO NON TI PIACE ABBASTANZA

Ho adorato il libro di Greg Behrendt e Liz Tuccillo La verità è che non gli piaci abbastanza (è un manuale per smascherare le scuse che gli uomini raccontano e le donne si bevono): l’ho letto quando avevo più o meno 20 anni. Pochi anni dopo mi sono chiesta: quel manuale potrebbe valere anche in altri ambiti della vita? Tipo sul lavoro? Quand è che ce la raccontiamo da soli dicendoci che amiamo il nostro lavoro, ma stiamo mentendo a noi stessi?

Il libro di cui sopra parla di una ragazza che non riconosce i segnali dell’amore: ogni gentilezza è da lei scambiata per qualcosa di più coinvolgente. Durante la lettura si scoprono in modo divertente i veri segnali dell’amore. Oggi, qui, voglio fare la stessa cosa, ma in ambito lavorativo: smentirò i segnali dell’amore verso il lavoro. Così come la protagonista del libro se la raccontava, mentendo a se stessa, io sono certa che alcuni di voi se la raccontino sul lavoro.

Stare bene sul posto di lavoro è importante perchè è il luogo dove passiamo la maggior parte della giornata: se non ci piace, e peggio ancora non lo ammettiamo a noi stessi, quel malessere rischia di diventare una valanga che trascina tutto quello che c’è intorno a noi. Se non ci piace e lo ammettiamo a noi stessi, non saremo felici comunque, ma almeno possiamo metterci nelle condizioni di sapere perchè stiamo facendo questo sforzo: sapere il perchè rende più tollerabile il malessere.

Dici spesso Sono molto stressato in questo periodo? Magari a cadenza regolare: mensile/settimanale? 

Ti capita spesso di rispondere male ai colleghi o di essere scontroso o poco gentile con clienti o utenti?

Addirittura ci sono giorni in cui sei talmente intrattabile che i tuoi colleghi, quando ti incrociano nei corridoi, cambiano strada?

Vai al lavoro solo per lo stipendio?

Fissi l’orologio in continuazione oppure ti metti in pole position per timbrare all’ora in punto per fuggire da quel postaccio?

Fai il minimo indispensabile e non c’è alcuna mansione che svolgi con entusiasmo?

Ti senti spesso stanco e affaticato anche se non lavori in miniera?

Se hai risposto con molti Sì, allora la verità è che il tuo lavoro non ti piace abbastanza. Quelli che ho elencato sono solo alcuni dei segnali di insoddisfazione, frustrazione, demotivazione, delusione e infelicità sul posto di lavoro. 

Ora forse hai scoperto che il tuo impiego non ti piace abbastanza. Se per qualche ragione ti è impossibile lasciare quel lavoro, almeno ammetti a te stesso che non ti piace, individua quali sono i motivi per cui non puoi lasciarlo: sapere le ragioni per cui si fa una certa cosa anche se non ci piace, ci aiuta dal punto di vista motivazionale. 

Invece se quel lavoro non ti piace e cambiarlo è nelle tue possibilità, cosa stai aspettando?

Se sei ancora in dubbio vai a leggere l’articolo Migliora la tua vita lavorativa con il coaching. 

Ricorda, come viene citato anche nel film A volte siamo così concentrate (e concentrati) sul lieto fine che non riusciamo a interpretare i segnali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *